Endometriosi e Dieta

Endometriosi e dieta

Le cause che determinano un quadro di endometriosi non sono ancora del tutto note.

Attivazione mastocitaria

Un campo di studio emergente si è concentrato su come l’attivazione dei mastociti possa contribuire all’endometriosi. I mastociti, la cellula tissutale del sistema immunitario, mediano le risposte infiammatorie come l’ipersensibilità e le reazioni allergiche e si trovano in molti organi e tessuti connettivi. Queste cellule contengono granuli in tutto il loro citoplasma che immagazzinano molti diversi mediatori chimici, tra cui l’istamina, interleuchine, proteoglicani (es. eparina) e vari enzimi. Quando vengono stimolati, questi mediatori vengono rilasciati (degranulazione) e producono una risposta infiammatoria locale.Recenti evidenze indicano un aumento del numero dei mastociti nei tessuti dell’endometriosi Questi mastociti attivati, e loro prodotti, potrebbero contribuire a diverse caratteristiche dell’endometriosi, tra cui dolore e angiogenesi.

È anche noto che l’istamina, rilasciata dai mastociti, migliora l’edema tissutale in aggiunta ad altri effetti prevalentemente indesiderati. I mastociti attivati rilasciano un certo numero di citochine proinfiammatorie, mediatori e fattori di crescita e quindi hanno il potenziale di impatti potenti e vari su tessuti anormalmente regolati, come quelli riscontrati nell’endometriosi.

Altri fattori (disbiosi genetica, ambientale e intestinale)

Ulteriori aree di ricerca emergenti sull’eziologia dell’endometriosi includono prospettive genetiche, possibili interazioni con il microbiota intestinale:
Altri potenziali fattori di complicazione nell’eziologia dell’endometriosi sono le esposizioni ambientali, come diossina e bifenili policlorurati diossina-simili. (interferenti endocrini) Fattori ambientali inclusi livelli elevati di esteri di ftalato, inquinanti organoclorurati persistenti, perfluorochimici e intrauterina l’esposizione al fumo di sigaretta, tra le altre cose, può causare endometriosi inducendo lo stress ossidativo, alterando l’omeostasi ormonale o modificando le risposte immunitarie. L’esposizione a sostanze chimiche di diversa origine nella vita quotidiana è diffusa e una di queste è l’ampia gamma di prodotti cosmetici e filtri solari disponibili per il pubblico.La principale via di esposizione è la pelle, ma l’endpoint principale di esposizione è a livello endocrino. Ciò è dovuto a molte sostanze nei cosmetici e ai filtri solari che hanno proprietà endocrino-attive che influenzano la salute riproduttiva ma anche interferiscono con le malattie neoplastiche.

I costi degli effetti dell’esposizione ambientale non sono solo fisici, ma possono anche influire negativamente sull’economia sanitaria. I risultati di uno studio pubblicato nel Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism di Endocrine Society hanno rilevato che gli EDC, che possono contribuire a problemi di salute riproduttiva vissuti da centinaia di migliaia di donne, costano all’Unione europea 1,5 miliardi di dollari all’anno in spese sanitarie e guadagni persi potenziale. Lo studio ha esaminato i tassi delle due cause più comuni di infertilità, fibromi uterini e endometriosi, come parte di una serie di analisi economiche, che comprendevano i costi diretti delle degenze ospedaliere, i servizi medici e altri costi medici.  I ricercatori hanno stimato che 145.000 casi di endometriosi e 56.700 casi di fibromi uterini in Europa potrebbero essere attribuiti all’esposizione a sostanze che alterano il sistema endocrino.

L’esposizione quotidiana a inquinanti chimici e ambientali influisce negativamente sui processi fisiologici. Molti inquinanti ambientali hanno una lunga emivita e possono accumularsi nell’ambiente e negli organismi viventi; quindi logicamente potrebbero influenzare negativamente il processo gestazionale e la salute di bambini e adulti.

Effetti della disbiosi intestinale e dieta sull’endometriosi

Uno dei principali regolatori degli estrogeni circolanti è il microbioma intestinale. Il microbioma ha dimostrato di essere influenzato dagli estrogeni; tuttavia, il microbioma influenza significativamente anche i livelli di estrogeni. L’estroboloma è la raccolta di microbi in grado di metabolizzare gli estrogeni; modula la circolazione enteroepatica di estrogeni e influenza i livelli di estrogeni circolanti ed escreti.

Quando il microbioma intestinale è sano, l’estroboloma produce la quantità appropriata di ?-glucuronidasi per mantenere l’omeostasi degli estrogeni. Tuttavia, quando è presente la disbiosi intestinale, l’attività della ?-glucuronidasi può essere alterata.

Questo produce o una carenza o un eccesso di estrogeni liberi, promuovendo così lo sviluppo di patologie correlate agli estrogeni.

Uno squilibrio del microbiota intestinale è indicato come disbiosi e ha conseguenze patofisiologiche,
poiché sconvolge l’omeostasi riducendo diversità batterica e aumento del rapporto Firmicutes /
Bacteroides . Questo alla fine porta ad una risposta infiammatoria che è dannosa per la salute dell’epitelio
intestinale. La disregolazione del microbiota intestinale, come evidenziato dalla ridotta diversità
microbica, con una successiva diminuzione della deconiugazione può portare alla riduzione degli
estrogeni circolanti.

Questo cambiamento negli estrogeni circolanti può contribuire allo sviluppo di
numerose condizioni avverse di salute tra cui il cancro, l’iperplasia dell’endometrio e
l’endometriosi.

La SIBO è stato considerata una condizione che si sviluppa nel contesto di alterata anatomia intestinale,
motilità e funzione. Diversi studi hanno dimostrato il ruolo degli estrogeni nei sintomi e nella patofisiologia della sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e / o SIBO, e dati recenti sottolineano che queste condizioni sono sempre più legate all’endometriosi basata sulla loro predominanza femminile, così come la correlazione tra sintomi di IBS e stato ormonale durante le fasi del ciclo mestruale, la gravidanza o la menopausa.
Diversi studi pubblicati hanno mostrato il sintomo più comune tra tutti questi condizioni è “ipersensibilità viscerale” (dolore e gonfiore) a quanto riferito a causa dell’eccesso di gas intestinale e di fluidi sperimentati da pazienti afflitti.

Negli ultimi anni, una considerevole quantità di ricerche ha dimostrato che il tipo di dieta consumata può avere un impatto significativo sul microbioma intestinale; poiché l’estroboloma è una parte del microbioma complessivo, è anche probabile che sarà anche influenzato dal / i cibo / i consumato / i.

Diete specializzate come la dieta a basso contenuto di FODMAP (oligo-, di-, monosaccaridi e polioli fermentabili) possono essere utili per quelle pazienti con diagnosi di endometriosi e quelli con endometriosi e IBS simultaneo.
Risultati di un recente studio pubblicato in Australia e Il neozelandese Journal of Obstetrics and Gynecology ha riscontrato in 160 donne con IBS, il 36% delle quali aveva EMS concomitante, il 72% ha riportato un miglioramento significativo (> 50%) dei sintomi dopo quattro settimane con una dieta FODMAP bassa rispetto al 49% di miglioramento in quelli senza endometriosi.
I ricercatori hanno concluso che una dieta FODMAP bassa sembra essere la più efficace in quei pazienti con problemi concomitanti dell’intestino e con diagnosi di endometriosi.

Alcuni studi hanno dimostrato una sovrapposizione tra la malattia celiaca e l’endometriosi. La relazione deve ancora essere chiarita completamente, ma si è pensato che l’infiammazione dell’intestino della celiachia possa scatenare l’insorgenza (o peggiorare) dei sintomi dell’endometriosi. Ciò ha portato all’idea che una dieta priva di glutine possa essere d’aiuto nel ridurre i sintomi dell’endometriosi, indipendentemente dal fatto che esistesse o meno una celiachia concomitante.

Regole per migliorare l’endometriosi:

  • correggere la disbiosi con probiotici
  • adottare una FodMap Diet
  • aumentare il consumo di verdura, frutta biologica e cereali integrali, pesce azzurro e olio EVO
  • aumentare iul consumo di omega-3 e ridurre i cibi con i grassi tras (prodotti industriali)
  • usare prodotti per la cure della persona solo con materie naturali
  • non fumare
Etta Finocchiaro
Dr. Etta Finocchiaro

Doctor Specialist in Dietetics and Food Science

Contact the doctor