Indice
Elaborazione grafica di foto di donna e vettoriale di molecola di estrogeno

Indicazioni scientifiche

Certamente il grasso addominale, in particolare quello sottocutaneo e viscerale, aumenta durante la menopausa, quando il cambiamento dell’ambiente ormonale può portare ad un rimodellamento degli accumuli del grasso corporeo e della circonferenza addominale.

Il grasso addominale, in particolare il grasso viscerale, è biochimicamente diverso e metabolicamente più attivo del grasso immagazzinato in altre aree del corpo, secernendo più citochine e adipochine pro-infiammatorie. Ciò significa che prevenire o invertire sul grasso della pancia non è solo un progetto di vanità, è un passo significativo per la gestione della salute generale di una donna, in quanto il grasso addominale è stato collegato in modo coerente all’insulino-resistenza, al controllo ipoglicemico e al rischio complessivo di malattia cardiometabolica e cancro mammario.

Viene spesso chiesto “come posso sbarazzarmi del grasso della pancia in menopausa?” È importante ricordare che i cambiamenti negli steroidi sessuali interagiscono con altri sistemi endocrini e che incidono anche le scelte mediche e dello stile di vita negli anni precedenti il periodo mestruale della donna.

Il mutevole ambiente ormonale

Una solida comprensione dei cambiamenti ormonali associati alla perimenopausa e alla menopausa può guidare le donne verso un intervento efficace.

  1. Cambiamenti nella dominanza di estrogeni

    La menopausa viene spesso definita semplicemente come la perdita di estrogeni e la perdita di estrogeni è legata all’aumento del grasso addominale. Paradossalmente però in perimenopausa si verifica una predominanza di estrogeni che può continuare in menopausa, e clinicamente viene vista come responsabile dell’aumento della massa grassa addominale.

    Tra i 35 e i 45 anni, la maggior parte delle donne iniziano a sperimentare cambiamenti ormonali legati all’avanzamento dell’età riproduttiva. In questo periodo si verifica una riduzione del progesterone accoppiato ad estrogeni elevati ed irregolari.

  2. L’estrogeno diminuisce ma è in eccesso rispetto al progesterone

    Questa è la definizione di dominanza di estrogeni: avere un livello di progesterone che è inferiore a 100 il livello di estrogeni, creando uno squilibrio nella relazione estrogeno-progesterone e sostanzialmente un livello inadeguato di progesterone per tenere sotto controllo gli estrogeni. Anche la produzione locale di estrogeni nel tessuto adiposo può contribuire al dominio degli estrogeni durante questo periodo. Ad esempio, gli enzimi aromatasi, responsabili della conversione degli androgeni in estrogeni, sono più attivi nel tessuto adiposo viscerale delle donne in post-menopausa in risposta al cortisolo.

  3. Cortisolo

    L’eccesso di cortisolo possono manifestarsi come aumento della massa grassa centrale e viscerale e disturbi metabolici come l’insulino-resistenza. Il cortisolo è regolato in parte dagli steroidi sessuali e l’estrogeno regola l’espressione e l’attività 11?-HSD1, l’enzima coinvolto nella conversione del cortisone inattivo in cortisolo attivo, quindi un estrogeno più alto, un 11?-HSD1 inferiore e un cortisolo meno attivo formato. Il calo dei livelli di estrogeni durante la menopausa può avere un effetto di trascinamento sulla formazione di cortisolo e 11?-HSD1 ha dimostrato di essere sovraregolato Oltre a contribuire direttamente alla disfunzione metabolica, un cortisolo più alto può alimentare l’ambiente ormonale e contribuire al dominio degli estrogeni in questo momento attraverso l’attività dell’aromatasi indotta dal cortisolo.

  4. Insulina

    Le cellule di grasso che si accumulano nell’addome sono collegate con l’insulino-resistenza. Le citochine proinfiammatorie prodotte dal grasso addominale interferiscono con la segnalazione dell’insulina. Ciò si traduce in insulino-resistenza in cui si perde la risposta cellulare all’insulina, che crea un ciclo in cui è necessaria una maggiore produzione di insulina per gestire i livelli di glucosio nel sangue. L’innalzamento dei livelli di insulina può scatenare una reazione a catena che alla fine porta a un aumento di peso e grasso addominale. L’insulina può ridurre la produzione di globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG) nel fegato. L’SHBG inferiore determina maggiori androgeni ed estrogeni liberi in circolazione ed è legato al grasso viscerale e all’insulino-resistenza nelle donne in menopausa. Inoltre, la resistenza all’insulina può avere un effetto a catena sulla leptina, cugino dell’insulina.

  5. Leptina

    La leptina è l’ormone put-down-your-fork.